giovedì 8 settembre 2011

Mizuno Wave Fortis 4

Da un paio di mesi posticipo la rottamazione delle A3. Quelle da allenamento, quelle che si sobbarcano quasi tutto il lavoro. Bhe, dovevo farlo prima. Le vecchie Asics Gel Stratus hanno passato i mille chilometri e decisamente non erano più buone per correre. Proprio per nulla.
Dopo ogni uscita risentivo di dolori al tibiale anteriore, caviglie e ginocchia. Nulla di acuto e puntualizzato, un indolenzimento generale. La credevo stanchezza, ma non lo era per nulla 
Tre uscite con le nuove calzature ed è tutto scomparso. Buono a sapersi.
Oltre a questo posso dire che paiono veramente comode come calzata. Anche per chi possiede una pianta del piede piuttosto larga. Sulla corsa solo buone impressioni. Pur essendo molto più ammortizzanti delle altre scarpe  che ho provato mantengono una discreta reattività. I produttori te la mettono giù spessa, il nuovo sistema.. bla bla bla.. di ammortizzamento.. bla bla.. con coefficiente di restituzione.. bla bla le rendono scattanti.. In effetti. Tranne alcuni appuntamenti clou penso le userò anche in gara, a cominciare da stasera alla corsa del  Boden ad Ornavasso. Certo, non penso cambi molto in termini di risultati per le andature che tengo. Andando più forte non ha senso correre con i canotti. E poi c'è anche la questione peso. Io non ci bado molto, ginocchia e caviglie penso lo facciano un pò di più.

Causa postumi Sgamelàa (ad anche causa scarpe) per più di una settimana le uscite sono state lente lente. Pure un poco svogliate. Riprendo solo da martedì con dei lavori specifici mirati alla Mezza del Vco.
I 90' non li vedo vicinissimi. Le tante salite estive al passo non ha di certo sciolto le gambe in vista dell'appuntamento. Tenuta alla distanza e testa sono pronte. Manca da limare qualcosa in termini di ritmo.
10 volte 400m a Rg - 15" più 400m Rg + 30" chiusi a ritmo son incoraggianti. Fine settimana 12-13 km al ritmo mezza e poi seduta di ripetute lunghe. Vedremo.
Ah, stasera Camminata del Boden. Fuori tutto.

8 commenti:

  1. Le scarpe sono la prima cosa che devi curare, soprattutto quando non hai il peso di un keniano, meglio cambiarle qualche km prima che dopo, ginocchia e schiena ti ringrazieranno...

    RispondiElimina
  2. Anche io uso Mizuno... ma in anteprima ti posto il nuovo acquisto per i "lunghi":
    http://www.golfnewspace.com/images/upload/Image/910_5F00_release_5F00_060.jpg

    sono quelli di Rory...

    RispondiElimina
  3. @ceres Hanno una bella linea. Si prestano a soprannommi. Quel drive può esser chiamato in diversi modi. la morte nera. La Furia buia. Blak hawk down. Black is back. Sai il figurone sul tee della uno alle Robinie.
    Di Mizuno non ho nulla nella mia sacca. Ho solo un costume di nuoto ed un pallone da volley. Nessun ferro proveniente dalla premiata fonderia mizuno alle pendici del monte Fukuyhama.

    RispondiElimina
  4. hanno già decretato: Darht Ceres

    RispondiElimina
  5. IO LE CAMBIO OGNI 400-500 KM...

    RispondiElimina
  6. @Stroppe A me spiace troppo. Son Nuove dopo 400 Km! :-)) Forse dovrei anch'io.. Facciamo 600-700, va. Ciao

    RispondiElimina
  7. What's up colleagues, pleasant piece of writing and nice urging commented at this place, I am really enjoying by these.

    my blog post ... pitching velocity program

    RispondiElimina