lunedì 11 gennaio 2016

Mah si, dai. Meno 186.

L'ho trovato. Salendo sulla bilancia il giorno seguente la Befana. Un traguardo pescato a casaccio, quello che tra le varie possibili ipotesi appare come il più improbabile. Ma pur sempre un obbiettivo, buono per tenersi impegnati e dimagrire. Ed un modo simpatico per ricordarsi, Frosinone in serie A ed Anno Santo a parte, del 2016 appena iniziato.
L'han chiamata Bettelmatt Ultra Trail ed è una corsa di 85 km tra Devero ed Alta Formazza con cinquemila e passa metri di dislivello.
Suona folle il giusto.
E mancan sei mesi.
Credo che nel periodo che mi separa dall'appuntamento il prepararsi a correrlo possa considerarsi un valido hobby.
Al pari di quello che prevede la costruzione di una piramide Inca coi vuoti dei CampariSoda. Risultando anche, in termini economici, di gran lunga meno dispendioso, tra l'altro.

La condizione fisica di partenza è imbarazzante.
Si veleggia attorno ai 95 kg. A far 10 chilometri s'impiega una cinquantina di minuti.
Il cane s'è fatto nuovi amici in ciclabile mentre aspetta che lo raggiunga di volta in volta.

Tutto sommato a casa l'han presa bene.
- È vero che puoi morire, papà?
- È una possibilità, certo. Ma non succederà, mamma come sempre esagera.

http://youtu.be/N358Nfglbgg

8 commenti:

  1. Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Ciao! Stai sciando? io ho sciato ancora inverno 2014. nel 2015 quasi nulla, ho saltato pure l'engadina.

      Elimina
  2. No ti fotti le ginocchia anche a 85 kg.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un danno collaterale già messo in preventivo. Inteso come legamento.

      Elimina
  3. in bocca al lupo per questa avventura

    RispondiElimina